Tuesday, 28 September 2010

Jean Paul Sartre-New York: colonial city

"Quindi i miei occhi da europeo, avvanzavano lentamente, osservando ogni cosa, cercando invano di scoprire qualcosa di New York che attirasse la loro attenzione; qualcosa, qualsiasi cosa: una fila di case che imrovvisamente sbarrasse la strada, l'angolo di una strada, una vecchia casa che mostrasse la patina del tempo. Ma in vano: New York è una città per la vista lunga: si può solo focalizzare l'infinito. Il mio sguardo non incontra nient'altro che spazio vuoto; scivola attraverso palazzi e case, tutte uguali tra di loro, senza nulla che possa che lo possa fermare, esso eventualmente si perde nell'orizzonte. (...) Gli incroci non servono a nient'altro che a definire i blocchi dei palazzi fra alle strade.
(...)Tutto di New York è tirato in senso parallelo, senza significati comunicanti. Improvvisamente quelle lunghe e dritte linee mi danno un senso di spazio. Le città europee sono costruite in modo di proteggerci da questo: le case tutte attaccate le une alle altre, come pecore.
Invece lo spazio corre in mezzo a New York, la fa vivere ed espandere. Lo spazio, il meraviglioso spazio delle steppe e delle pampas, soffia dentro le sue vene come una corrente di aria fresca, separando quelle di destra da quelle di sinistra. A boston un amico americano, mostrandomi la zona alla moda della città, mi indicò la parte sinistra della boulevard dicendomi: Qui è dove vive tutta l'alta classe. E indicandomi la parte destra, aggiunse ironicamente: Nessuno ha ancora scoperto che viva laggiù. Lo stesso è per New York, esiste un'enorme distanza tra le due parti di una strada.
New York è una mezza via tra una città di pedoni e una città di automobili, nessuno cammina a New York, si va avanti, è una città in movimento.
(...)Ho imparato ad amare le avenues di Manhattan, queste non sono piccole serie stradine, ma grandi autostrade. Come ci metti piede capisci che queste strade possono portarti a Boston o Chicago. Si scolorisce piano paino uscendo dalla città, e tu puoi quasi seguirla fin dentro la campagna. Un cielo selvaggio sopra a binari paralleli, questo è principalmente New York. Nel cuore della città sei nel cuore della natura.
Jean Paul Sartre
Da un articolo pubblicato da Life (New York) e Town and country (London)

"So my short-sighted, European eyes, advancing slowly, watching everything, tried invain to discover something in New York to catch their attention; something, anything: a row of houses suddenly barring the way, a street corner or an old house showing the patina of time. In vain: New York is a city for the longsighted: one can only focus on infinity. My gaze met nothing but empty space; sliding across block of houses, each exactly like the next, with nothing to arrest it, it eventually lost itself in the horizon. (...) The cross street serve hardly any purpose except to define the limits of the housing blocks between the avenues.
(...)All of New York is stripped in this way with parallel, non communicating meanings. These long pefectly regular lines suddendly gave me a feeling of space. This is wath our european cities are built to protect us against: the houses cluster together like sheep. But space crosses through New York, enlives it and expands it. Space, the great empty space of the steppes and the pampas, flows through its veins like a current of fresh air, separating those on the right bank from those on the left bank. In Boston an american friend, showing me around the fashionable part of the town, pointed to the left-hand side of the boulevard and said: that's where the high-class folks live. And pointing to the right hand side, he added ironically: No one's ever found out who lives over there. It's the same in New York:there is an infinite distance between the two sides of a street.
New York is half-way between a city for pedestrians and a city of cars. One doesn't walk in New York, one goes by: it's a city in motion.
(...)I've learned to love the avenues of Manhattan. These are not serious little walkways, they are major highways. As soon you set foot on one of them you realize that it has to travel to Boston or Chicago. It fades away outside the town and your eyes can almostfollow it into the countryside. A wild sky above great parallel rails: that is New York, chiefly. In the heart of the city you are in the heart of nature.
Jean Paul Sartre
From an article published by Time (New York) and Town and Country (London)

George Tice

Alfred Stieglitz

Rick Bayonas


Sunday, 26 September 2010

la città infinita / the endless city

Qualcosa a proposito di urbanizzazione. La città infinita sarà forse il nostro futuro, poche saranno le persone che in questo tempo futuro potranno e vorranno ancora vivere in campagna. UN- ricercatori osservando la scena mondiale hanno visto come la città si stia espandendo diventando casa di sempre più parte della popolazione. Si stima che nel 2050 sette persone su dieci vivranno in città, che non si sa più bene a cosa assomiglierà.
Se si guarda con attenzione le città in cui viviamo, si può osservare come esse si stiano allargando sempre di più. Il più grande problema a cui questo può portare, spiega il professore Herbie Girardet della Middlesex University, è il consumo di energia di cui una città usufruisce rispetto alla campagna. In quest'ultima c'è un riciclo e l'uso delle materie crea un continuo circolo di uso e riuso. La città non fa questo e si basa piuttosto su un uso continuo di nuove risrse che vengono poi eliminate in qualche modo creando danno alla natura.
Come sarebbe allora vivere in una città senza fine? La risposta spiega Jonathon Porritt, ambientalista britannico, è non nella misura della città quanto nel come quest ultime vengono costruite, sta a dire nella qualità di vita che riescono ad offrire. La vita infatti senza il contatto con la natura diventerebbe insostenibile, un intero mondo disconesso dal mondo naturale diventerebbe una grande prigione da qui potrebbero nascere imprevedibili conseguenze per la società e il pianeta.

John Vidal is the Guardian’s environment editor

Get used to it. The future is urban and in 50 years’ it may be weird to find people living in the countryside. The UN planet-watchers have found not just that we are becoming an urban species but that the world’s cities are growing and merging with each other, forming vast “megaregions.” These giants are already sprawling across borders and becoming homes to 100 million or more people. Today just over one half of us live in urban areas. By 2050 it will be 7 in 10 and eventually the city will take over.
UN-Habitat’s biennial cities report says urbanization is now unstoppable and we should prepare to live in “the endless city.” Look back a few hundred years, say the authors, and you can see how places like London, Manchester and Liverpool in England outgrew themselves and merged with towns and villages around them to form conurbations of a few million people. Now cities like Hong Kong, Shenzhen and Guangzhou in China are linked by urban corridors and are home to 120m people. Look ahead a bit and you may see Rio de Janeiro and São Paulo in Brazil, Delhi and Mumbai in India, and even the 77 separate major cities which now stretch from Beijing to Tokyo via Pyongyang and Seoul, all linked together.
Outwardly, the development of these megaregions makes economic and environmental sense. They cover just a fraction of the habitable surface of the earth but are home to nearly 20% of the world’s population. They account for 66% of all economic activity and about 85% of technological and scientific innovation. The top 25 account for more than half of the world’s wealth, and the five largest cities in India and China now account for 50% of those countries’ wealth. They lead development and provide work for the masses, and the money earned in them is sent back and supports the country areas. Cities, in short, are the cradles of culture and wealth and will allow earth to accommodate a further three billion people.
This view is backed by writers like British academic and author Owen Hatherley: “Supercities have always horrified environmentalists but they shouldn’t. With their relatively short distances easily served by public transport, they are in fact greener than the countryside; a recent academic report estimated that cities produce less than two-fifths of greenhouse gas emissions. What is worrying about the ‘endless city’ is that it may lack the public spaces and networks that make urban life superior. The cities of hypercapitalism, with their gated communities, ‘urban villages’, pseudo country villas and private transport, are malevolent because they try to simulate the countryside. The megalopolis need not be the cause for handwringing.”
But the reality is that the world’s megacities are becoming sprawling megaslums, with city authorities unable to keep up with their growth and increasing inequality. The same UN report found that 827 million people – nearly one in six people alive – now live in crowded, substandard housing often without safe drinking water and sanitation. The number is set to grow, especially in Africa, where nearly two-thirds of the world’s slum-dwellers live.
Besides, cities do not stop at their borders, says cultural anthropologist and Middlesex University urban studies professor Herbie Girardet, who calls for a complete redesign of how cities work. “Urban living depends on enormous resource consumption. Urban citizens use four times the energy that rural dwellers consume. The characteristic of a truly sustainable city is, first and foremost, that it powers itself entirely by means of renewable energy systems. In nature, waste materials are absorbed beneficially back into the local environment as nutrients. Cities don’t do that. They work by way of taking resources from one place and dumping them somewhere else causing damage to nature. We need to turn this linear process into a circular process instead.”
But what will it be like to live in the endless city? The answer, says British environmentalist Jonathon Porritt, depends not on the size but what on what kind of cities we build. In Europe you can travel across heavily urbanized areas without even being aware that you are in a megalopolis. A long history of parks, open space, civic responsibility and good public transport has not divorced people from the natural world. “Sustainability can certainly be achieved in urban areas. Cities actually have some distinct advantages [over rural areas] when it comes to energy use and transport,” says Porritt.
But life in the endless city would be psychologically intolerable without contact with nature, he says. The vast city disconnected from the natural world and impossible to leave becomes a vast prison with potentially terrible consequences for both human society and the planet itself.
“The key is the degree to which the cities of the future allow people to live high quality lives. Without access to green space sustainability is impossible. Life must include a connection to the natural environment,” he says.

–John Vidal is the Guardian’s environment editor.

Thursday, 16 September 2010

Fiumi / Rivers 1.1

Il fiume è stato per secoli e continua ad essere in molte parti del mondo una vera e propria strada, a volte l'unica conosciuta. Ci sono posti al mondo in cui la natura impenetrabile non permette all'uomo di arrivare in nessun luogo, il fiume è lunica risposta. O meglio era, questi posti ora sono devastati in mille altri modi, ma parleremo di questo in un altro momento.
Se penso al posto da cui provengo, il fiume anche se non grande è molto veloce, perchè torrente di montagna. Viene usato per il lavoro, per trasportare il legname dall'alto della montagna fino alla segheria a valle, quest'ultima sorgeva al bordo del fiume stesso per facilitare il tutto. Villaggi e città, se può, crescono e si sviluppano sull'acqua dolce di fiumi e laghi, perchè si sa siamo fatti per il 90% d'acqua e ne abbiamo bisogno ogni giorno. La vita sociale in alcuni paesi si basa sullo stare a contatto con l'acqua, vedono nell'acqua qualcosa di sacro.
La verità è che come per molte cose non ci prendiamo abbastanza cura di questo elemento così importante. A qualsiasi altitudine ci si trovi l'acqua è sporca, con immondizia e dimenticanze umane. Le conseguenze sono ovvie: la fauna e la flora scompaiono o diminuiscono ammalandosi, e noi beh noi beviamo quell'acqua, ci laviamo, puliamo i nostri vestiti e i nostri cani.
Vorrei dedicare questo primo articolo sui fiumi ad una mostra dell Museum Contemporary Art di Sydney, mostra dedicata all'equilibrio delicato della natura scompare piano piano, ma inesorabile. Alcuni artisti fotografando e dipingendo documentano.

Rivers have always been, and still are in some places in the world a real street that people use to move from a place into another, or to work, to eat, to live with. There are places where nature is impenetrable, it doesn't permit to human beings to go inside, rivers are the only answer. It would be better say that it was the only answer, becuse now these amazing places are devastated in so many different ways, but we will have time to speak about it.
If a think about where a come from, montain rivers are not really big but fast, they are used for work to transport timber cutting down to the valley to the sawmill which usually is close to the river as well. Villages and cities in the past originated near a a fresh water source, and this is because e are made for 90% of water and we can't live without it. In some areas water became somenthing sacred, and they base their social life on water.
But the truth is that as for many other things, we don't take care enough of this important element. To any altitude, water is dirty of waste and human omissions. Consequences are unmistakable: animals and plants die or they became less and less and sick. And us? well, we go on drinking that water, washing ourselves and our pets and clothes.
I would like to dedicate this first article about water and rivers to an exbition in the Museum of contemporary art of Sydney. These artists, through photogrphy and art, try to speak about the delicate balance of nature (in this case about Australia) that we are destroying.

Bonita Eli

"These photographs of the Murray River and its environs were taken in January, 2009. The project began in 1977, when I documented the Murray River’s edge and its changing landscape."
"Thirty years on, after years of severe drought, the Murray River is beset with blue green algae, turbidity, acid sulphate contamination, salination, torpidity, dried up lakes and red river gum die back. In South Australia it is barely flowing. Lake Alexandrina, the river’s estuary, is a massive dust bowl dispersed with shallow pools of acid sulphate water. More than a metre below sea level, salt water inundation from the Coorong and Southern Ocean is held back by barrages."

Tasmanian rivers

Badger Bates

"Badger Bates (William Brian Bates) was raised by his extended family and his grandmother Granny Moysey, with whom he travelled the country, learning about the language, history and culture of the Paakantji people of the Darling River, or Paaka."

Saturday, 11 September 2010

il sogno 2/ dreams 2

Interpretare i sogni è sempre difficile, sopprattutto se a farlo non sono più soltanto parole ma delle immagini. Innumerevoli sono film video e quant'altro che esplorano i meandri della nostra mente, la cosa strana è che ogni volta si rimane affascinati, dalle immagini, dalle musiche dalle persone e dai loro vestiti da tutto ciò che popola la testa di chiunque ne scriva, ne disegni o lo diriga. Qualche esempio arriva da quei film classici per eccellenza, meravigliosi come 8 e 1/2 di Fellini, il racconto quasi assurdo di un regista e del suo nuovo film che non vuole nascere per una perdita di fiducia in se stesso. Continui sogni dei genitori che si raccomandano continuamente per il loro figliolo per la sua vita e la sua felicità. Ma in realtà tutto il film è costruito come un grande sogno di ricerca di se stesso.

Interpretation of dreams it always quite an hard job, and could became even harder if you have to use images instead of just words. Lots are movies and videos that try to explore all our mind's ways and it's amazing see how fascinating could be images music and people that is inside who write, draw or direct.
Some example are those classic movies like Fellini's 8 and 1/2: an absurd story about a director and his new movie that doesn't want to born because he doesn't believe in himself anymore. He dreams his dead parents that want his best and his happiness and they are quite unapproachable. The entire movie is a big long dream where he tries to find himself.

Il tema viene rispreso da molti altri, ma più che se stessi ricercano la strada del proprio popolo e della propria terra. E' questo il caso di Emir Kusturica, che racconta il suo popolo e le sue speranze illusioni e strorie attraverso personaggi e paesaggi quasi irreali.

This theme is a good one, if i think about it, we always try to dream what we don't know, to understand it. Kusturica narrate his people's history and hopes, and he does it with irreal and exagerate caracters, in strange places.

Pensare alle storie che ci raccontavano da bambini per farci addormentare o solo spaventare e stare buoni buoni, quelli erano quasi sogni ad occhi aperti per noi. I bambini poi non riescono a separare il sogno dalla realtà, e chi lo sa cosa è veramnete questa realtà? Qualcosa per qui ci proccupiamo continuamente, che vada tutto bene, di proteggere chi amiamo e di non perderli, di camminare sulla nostra strada e incrociarne ogni giorno di altre. Ecco The fall di Tarsem Singh.

If you think carefully, all that stories that adults use to tell children to keep them quite or to give them the good night, are little dreams that them, the adults inveted. Children cannot separate invention from reality, and they are afraid of what they could find inside the wardrobe. But what is actually this Reality? It's something that about what we alwys wondering. We want to protect who we love, to don't lose them. This is The fall of Tarsem Sigh.

Credo che sia un bel mondo in cui rifugiarsi ogni tanto, quello della nostra mente. Può portarti ovunque. L'importante è sapere dove trovare l'uscita. Qui troviamo Inception e i suoi mondi, di Christopher Nolan, già famoso per film come Memento. Oppure Coraline tratto dal romanzo di Neil Gaiman.

The world of dreams is a good one where to hide sometimes, our mind. It could bring you everywhere. You just have to know where is the wayout to don't lose youself. Inception born from this quantity of worlds, a movie of Christopher Nolan. And also Coraline, form the novel of Neil Gaiman.

Wednesday, 8 September 2010

people of the street

La strada è luogo di tutti, come si è già accennato sono casa e albergo di tutta la gente che ci transita sopra ad ogni ora e stagione. di qualcuno però diventa la vera ed unica casa. Queste perone che si può arrivare a disprezzare per il loro modo di vivere fuori dalle linee, lasciata al caso e alla giornata, fanno della strada tutta la loro vita. La fotografia si sa, cerca di mettere ordine al cas del mondo, scegliendone piccole parti, Pierre-Olivier Deshamps a Parigi ha trovato segni di questa soppravvivenza fatta di pochi oggetti e tanto spazio.

Streets, As we've already said, are a place that belogns to everyone, they are home and hotel, every time and every season. But for somebody they could be home, the only one this people can have and know. These persons that normal people could despise for their way to live, just thinking day per day, with no plans no future, transform streets in their place and life.
Photography always try to put order in the world and his chaos, chosing some parts and images of it; Pierre-Olivier Deshamps in Paris found traces of this surviving, made up with few objects and big spaces.

Wednesday, 1 September 2010

Un'artista Australiana / An aussie artist

Poche settimane sono andata a vedere un piccola galleria nel qualrtiere di Waterloo a Sydney nella settimana dedicata al design. All'interno, questa galleria si suddivideva in altre gallerie ognuna dedicata ad un diverso artista. Una di questi era Melissa Selby Brown, australiana nata nello stato di Victoria e riconosciuta da vari premi.
Strano è che essa dipinge luoghi che ha visitato in Italia e in Francia, in partcolare Parigi.

Few week ago i've been to an exbition in a somall gallery in Waterloo, a neighbourhood in Sydney, during the design week. The gallery inside has got others small spaces each one dedicated to an artist. Melissa Selby Brown was one of them; she is australian, she is born in Victoria e she won some price for her art.
A particular about her is that she paint places that she visited in Italy and France, like these work about Paris.

Thursday, 26 August 2010

un palcoscenico / a stage, di guerra/ of war

film "La haine", scena iniziale
from the movie "la haine": hate.

La strada è il luogo di tutti, appartiene a qualunque persona ci cammini e ospita quindi, tutte le idee e i pensieri che con loro arrivano e passano. Per questo motivo è stato scelto, ed è tuttora scelto come teatro di manifestazioni, feste, celebrazioni, e guerre.
L'idea di guerra un tempo era infatti pensata lontana dalle strade e dalla gente comune, era cosa per pochi, in genere uomini. Sulla strada al tempo scorrevano parate militari e cortei, venivano appese bandiere di nazioni o ideologie. La guerra c'era ma non si vedeva. Oggi qualunque uomo donna o bambino è soldato e ideologia di se stesso. Si scende in strada e si dice la propria oppinione, e si combatte.
Molti forografi ogni giorno di ogni guerra provano a raccontare questo capovolgimento, dove la strada diventa un teatro di morte e di odio, dove a volte invece di passare con la propria idea, ci si ferma per sempre, morti, in un punto qualsiasi. Teatro di spostamenti ed emigrazioni di interi popoli a cui non è permesso di stare nella propria casa.

Streets belong to everybody who walk or pass over them, and they give hospitality to ideas and thoughts of all those people. For this reason it's been chosen, and it's now, as a theatre of manifestations, celebrations, parties, and wars.
A long time ago the idea of war was far from normal people's life, from cities streets and buildings, it was something that involved few people, generally men. There was a war but you cannot see it in the real sense. Today every man woman and child is a soldier and they represent their own ideas. People just go down in to the streets with their oppinions, and it's a fight.
Every day of every war lots of photographers try to capture this movement or transition, where streets have become a theatre of death and hate. Where sometimes insted of just passing over with an idea, you can be stopped forever, dead somewhere. A theatre of migrations of whole nations that can't stay anymore in their own home.

Mohamed Abed Palestinian territories

Goran Tomasevic Afghanistan

Goran Tomasevic Palestine

Walter Astrada

Walter Astrada

Adam Ferguson Kabul Afghanistan

Thursday, 19 August 2010

La mente: il sogno 1 / the mind: dreams 1

La nostra mente è il più vasto itinerario di strade esistente. Ha il più vasto numero di collegamenti e trasporto di qualsiasi autostrada del pianeta. Qui parliamo di idee, informazioni e sogni.
Come non essere affascinati da tutto questo universo che ha deciso di nascondersi dentro la nostra testa? In molti lo sono e lo sono stati, ed è questo che ne fa uno degli argomenti su cui si è speso più tempo, inchiostro e senno.
Il primo arogomento sarà il sogno. Misterioso il sogno, si dice sia qualcosa che ci arriva quando dormiamo di riflesso dalla nostra realtà. Potrebbe essere un completamento di qualcosa che abbiamo lasciato da finire, oppure qualcosa di iniziare. La cosa straordinaria è che si può sognare anche a occhi aperti.
Questo capitolo è dedicato ad Murakami Haruki, scrittore giapponese di fama internazionale, i suoi libri molte volte sono come lunghi sogni. Non sempre sono esattamente piacevoli, ma nemmeno degli incubi. L'impressione è di vedere noi stessi più in profondità, più criticamente. Non siamo sempre esseri giusti, nemmeno con chi ci sta più vicino, non comprendiamo o pretendiamo di non farlo, e molte volte, non siamo compresi. Per questo creiamo mondi, in cui fuggire o riparare, o forse imparare guardando dall'esterno quanti collegamenti si sono creati per noi dal momento della nostra nascita.
Due libri vorrei citare: "After dark" e "Dance Dance Dance", dove il sogno diventa parte della realtà, giorno e notte si susseguono naturalmente ma i personaggi sanno che non c'è solo questo. Perchè questo accada noi dobbiamo continuare a danzare. un passo dopo l'altro.

Our mind has got the most wide itineray of the world. It has got an every day large number of connections and ideas and informations transport. This is a very fascinating world which is just inside our head, inside us. So many people talked and still talk about it, spending their days, losing their mind around this complexity.
The first argoment would be about dreams, dreams and their mistery. Somebody says that they are somenthig that comes when we sleep, like our reality reflection, maybe somenthig that we have to finish or to start. Straordinary is that we can also have daydream.
This chapter is dedicated to Murakamy Haruki an international japanese writer. His books tell stories which are like long dreams, not always good dreams but neither nightmares. The firs impression is to see ourselves more deeply, in a more critic way.
It's true that we not always are fair people, neither with who is closer to us. We can't understand or we pretend to not do it, and most of time we are not comprended either. This is why we create this worlds where we can go and escape or just stay for a while whatching everything from outside and maybe understand somenthing about ourselves, about all those connections that are there since we are born.
Two book i would like to talk about: "After dark" and "Dance dance dance", two stories where dream became part of reality, day and night follow each other but everyone there knows that is not all about it. We still have to dance.

"The new day is almost here, but the old one is still draging itss heavy skirts. Just as ocean water and river water struggles againsteach other at a river mouth. The old time and the new time clash and blend. We don't know wich worldcontains our centre of gravity. Murakamy Haruki, After dark "

Questo è un progetto sul sogno svolto da me e Lorenzo Fanton: noi siamo la realta che si rispecchia in frammenti di sogno.

This is a my and Lorenzo Fanton project for a competiton about dream: we are reality that mirror itself in fragments of dreams

Monday, 9 August 2010


Antarctica è un continente al piedi o alla testa del mondo, dipende dai punti di vista. Si dice tutto si abbia avuto origine da qui, dal ghiaccio. L'antartide è la madre di ogni continente e terra che noi conosciamo, situato nell'emisfero australe a sud del Circolo polare antartico e circondato dai mari antartici. Per convenzione il confine geografico è delimitato dalla cosiddetta convergenza antartica, la latitudine (circa 50° S) dove si inabissano le acque di superficie subtropicali. E' il luogo in cui terminano tutte le mappe e si incontrano tutte le rotte.
Il continente non è abitato da nessuna popolazione perennemente; ma nonostante ciò si contano, durante l'anno, tra le 1000 e le 5000 persone che risiedono nelle varie stazioni di ricerca sparse in tutto l'Antartide. Cosa spinge queste persone ad andare in posto come questo?
Werner Herzog nel so documentario "Encounters at the end of the world" ci parla di questo, di ciò che uomini e donne sognano e vivono in questa terra di ghiaccio.

Antarcticait's a continent at the bottom or at the top of the world. It could be feet or hat, depends on the point of view. Antarctica it's the mother of every country and land that we know; it's in the austral emisphere, south of the Antarctic Circle and surrounded by Southern Ocean. The geographical border is defined by the Antarctica convergence, latitude is 50° S, it's where all the maps end and where all the courses meet.
There are no permanent human residents, but anywhere from 1,000 to 5,000 people reside throughout the year at the research stations scattered across the continent. What push people to come here?
Werner Herzog in his documentary "Encounters at the end of the world" try to figure out what people dream and live and are looking for in this land of ice.

Racconta di animali che sono cosi simili alle persone, che queste persone decidono di dedicargli la loro vita.

he tell us about animals which are so similar to humans that people decide to dedicate them all their life.

Una terra fatta di silenzio, dove, camminando sul ghiaccio riesci a sentire un intero mondo vivere sotto i tuoi passi, e il ghiaccio muoversi e trasformarsi.

A land of silence, where if you walk on the ice you can hear a whole world that lives under your feet, and ice changing and moving.

Tuesday, 3 August 2010

Paula Scher

Non può mancare qualche articolo dedicato a mappe e cartografia, sopprattutto se particolare come questa.
Paula Scher, artista, ma preferisce definirsi designer, americana 62 anni, ha un passato d'arte per quanto riguarda la cartografia, il padre infatti fu uno dei capiscuola della cartografia moderna, e nei suoi anni da ricercatore per conto del Governo statunitense, i suoi studi sulla correzione delle distorsioni nelle mappe contribuirono sostanzialmente a gettare le basi per il sistema che qualche anno dopo Larry Page e Sergey Brin avrebbero battezzato come “Google Maps”.
Le mappe che disegna Paula sono costruite sulle parole, alla base, vi è un lungo processo di rielaborazione dei contenuti delle carte su scala enorme (Paula ne consulta diverse decine per lo stesso territorio), dove il paesaggio è trasfigurato dai nomi stessi delle città, fiumi, mari, catene montuose che lo abitano; un luogo, dove i confini sono dati dalle parole, ed i territori faticano a contenere tutti i loro nomi. Un posto dove perdersi diventa incantevole, dove l’errore diventa peculiarità, e contribuisce a rendere ancora più unica un’opera che non ha precedenti nella storia dell’arte. «Mio padre mi ha sempre insegnato che tutte le mappe contengono errori. Non tutti in buona fede, peraltro: spesso, ad esempio, sono le compagnie petrolifere a decidere lo “spessore” di una strada in una mappa, in funzione a quante stazioni di riferimento hanno dislocato in quella zona. Non c’è nessun’altra ragione, a ben pensarci, per cui alcune strade debbano risultare più importanti di altre. Da questo punto di vista, la mia è un’interpretazione della realtà vergine, ingenua se vogliamo».
Paula ha disegnato quasi tutto il mondo, a mano, con il pennello entrando quasi fisicamente nella propria opera. Alcuni luoghi l'hanno ovviamente affascinata più di altri, come Manhattan e l'Africa dove il francese è entrato anche nei nomi dei villaggi più sperduti. E l'Europa con stati talmente piccoli da non riuscire a contenere il proprio nome.
Grande attenzione viene data alla scenta del carattere, Sans serif, e a cui la stessa artista dedica molta cura e passione inventandone sempre di nuovi.

I think that i could not miss to speak about maps, in particular if they are interesting like these.
Paula Schere is an artist but she prefer to be called designer, american and 62 years old she is born in a artistic maps family: infact her father worked as a researcher for the american government treating the defectes and distortions on the maps. All his work contributed and helped the system that Larry Page e Sergey Brin some year later will call "google maps".
Paula's maps are build on with words, but at the beginning everything starts with a long research work e rielaboration of all contents that are in the maps that Paula refer to. And they are a lot for every painting. The landscape became trasfigured with names of city and mountains, lakes and rivers and seas which live there. It became a place where words are the borders and territories can't contein all their names. Get lost here is amazing, where errors have to exist and because of them paintings are unique. "My father used to say me that all maps contain errors, and not every one are just inattention; sometimes are the oil companies which decide the thickness of a road, for the number of petrol station you can find on. From this point of view my reality point of view and interpreatation is vergin, ingenuos." Paula draw quite every place in the world but still, there are some place that she prefer like Manhattan by night, Africa where french is everywhere also in the smallest village in the middle of nowhere and Europe which has got very long country names that neither can fit in the shape of the country it self.
She give a lot of attention to the font choise that should be Sans Serif, and she's always draw a new one.

Tuesday, 27 July 2010


Er-h è un illustratore, disegna case, persone a grandi tratti e pochi colori. La cosa interessante è che attraverso i suoi disegni descrive se stesso e la sua infanzia. Nel farlo disegna strade, sentieri e vicoli e i cartelli e le indicazioni che si trovano nelle vie e negli incroci come simbolo di scelte da fare e da intraprendere.
Suburbia è il sobborgo in cui è nato e che rappresenta spesso come anche punto di partenza. Una deviazione in una strada di campagna diventa un luogo speciale popolato da fattorie sotto l'ombra di alberi, case abitate da persone che non si vedono e che mai conosceremo, come già fossero dentro ad un disegno.
Queste piccole e sperdute strade finiscono nella city, luogo ricco di intrighi e curve e digrassioni. strade che spariscono e riappaiono. Esse sono già una storia.

Er-h is an illustrator, he draws houses and people vaguely and with few colors. The intresting thing is that with his schetches he describes himself and his childhood. He make it drawing streets and roads and paths and also the road signs as a symbol of choise.
Suburbia is the neighborhood where he born and that rapresent the starting point or everything. A diversion in a country road could suddendly became a special place where you can find farms under trees' shade and houses with people you can't see and you won't never know, as they already are inside a draw.
These small streets end in the big city where "There is no narrative other than the path itself. There are digressions, side streets that rejoin the main thoroughfare. There are places where the road disappears momentarily around or over or down a hill or into a tunnel." They are already a story.


Wednesday, 14 July 2010


Gerry è un film di Gus Van Sant. Fa parte di una trilogia dedicata alla giovinezza.
La scena iniziale e la scena finale hanno per protagonista una strada e un paesaggio che i due protagonisti percorrono in auto. Una volta lasciata l'auto si incamminano a piedi ed iniziano il loro viaggio attraverso il deserto.
La particolarità è che il nome di entrambi i protagonisti è Gerry. Molto legati tra di loro, sembrano due fratelli o amici di infanzia. Si aiutano si seguono, si parlano e si raccontano. Quando decideranno di lasciare il sentiero e di perdersi nello sconfinato paesaggio, cercheranno di farsi coraggio a vicenda e di spiegarsi, senza successo, dove stanno andando e cosa sta succedendo loro.
Questo viaggio diventa per loro metafora della vita, ma senza ricerca di meta alcuna, perchè come dice Gerry "tutte le strade portano allo stesso posto", e sentirsi perso è solo una condizione temporanea.

Gerry is a Gus Van Sant's movie i have recently seen. it's the first chapter of a trilogy dedicated to youth. Protagonist of the first and last scene is a long road which the two protagonists travel by their car, then they start their journey throught the desert.
The strange detail is that both protagonists are called Gerry. They seem to be quite brothers or very old friends: they follow each other, they speak and tell each other stories. When they decide to leave the path and then to lose in the unlimited landscape, they try to confort each other and to find some explanations.
The journey became a metaphor of life but without looking to any destination, because as GerryS say "every road goes in the same way", and feeling lost is just a temporary condition.

Sunday, 20 June 2010

who's Ruth

" Le disse di guardare come la strada aveva deciso di aiutarli, e si era messa tutta dritta perchè arrivassero prima. La bellezza di un rettilineo è innarrivabile, perchè in esso si è sciolta qualsiasi curva e insidia in nome di un ordine clemente e giusto, è una cosa che possono fare solo le strade e non esiste nella vita. Perchè non corre dritto il cuore degli uomini e non ordine, forse, nel loro andare." A. Baricco Questa storia
Essere affascinati dalle persone significa esserlo del loro percorso nel mondo e nel tempo. Ogni persona che incrociamo sta camminando, correndo, ballando o zoppicando sulla propria storia. Sulla propria strada.
E' bello ascoltare qualcuno che racconta la propria esperianza, sopprattutto qualcuno che ha già rallentato ed è arrivato in fondo al proprio percorso. Sentire cosa questa persona ci ha trovato, immaginare quello che un giorno ci troveremo noi.
Vorrei raccontare questa geografia del mondo, fatta di vere strade, di realtà, di storie e sogni.

"He told her to see how the street was helping them, it was straight now, and thanks to it they could arrive in time. it's impossible to see the beauty of a straight street because in it every bend and trick are merged to an easy and fair order. This is somethig that only streets can do and it doesn't exist in life. Because men's hearts doesn't run straight and, maybe, there's no order in their way." A. Baricco, Questa storia

I think that be fascinate of people means to be fascinated of their journey in this world and in this time. Every person who we meet on our way is walking, running, dancing or hobbling on his history. In his street.
It's amazing listen to people's story about their own experience, in particular someone who have already gradually slowed down and he's at the end of his trevel. Listen to what in particular these people had found, try to imagine what we are going to find.
I would like to speak about this world geography built of real streets, dreams and stories.